Loading...

OZONO TERAPIA

Cos’è l’ozono?

L’ozono è un gas composto da tre atomi di ossigeno (O3), definito infatti forma allotropica dell’ossigeno (O2), ed è presente in natura soprattutto a livello dell’Ozonosfera rivelandosi una sostanza essenziale per la vita sulla terra perché conferisce una protezione al pianeta dalle radiazioni solari a bassa lunghezza d'onda (o alta frequenza) [1]. I 3 atomi del gas creano una struttura molecolare altamente instabile e quindi fortemente reattiva con altre sostanze organiche, questo conferisce all’ozono diverse proprietà medicali.

A cosa seve l’ozono in ambito medico?

A livello medicale, il gas viene prodotto tramite l’impiego di generatori di ozono il cui meccanismo principale sono le celle “Ozogene”, dove vi è la formazione di un campo elettrico, necessario per la scissione di ossigeno e la creazione di ozono (O3). Queste tecnologie vengono utilizzate in ambito medico per trattamenti legati al micro-circolo, infezioni dell’apparato vascolare, lesioni osteo-articolari, cutanee o ulcere mucose, infezioni croniche, ernie, patologie dermatologiche e ovviamente hanno diversi benefici anche a livello odontoiatrico [2]. È possibile reperire e utilizzare l’ozono sottoforma di gas puro (come miscelazione prodotta in loco di ossigeno-ozono) oppure miscelato con oli o acqua/gel.

A cosa seve l’ozono in ambito odontoiatrico?

L’interesse in ambito medico e odontoiatrico dell’ozono, negli ultimi decenni, è legato non solo alle sue proprietà disinfettanti e anti-microbiche, ma anche alle sue proprietà anti-ossidanti, anti-infiammatorie, analgesiche e bio-stimolanti [3]. Infatti, se l’instabilità di questa molecola conferisce proprietà antimicrobiche perché l’atomo libero di ossigeno interagisce con le strutture intracellulari, questi effetti ossidanti stimolano il sistema immunitario e il sistema anti-ossidante endogeno con l’effetto di favorire la rigenerazione dei tessuti gengivali [4]. Riassumiamo di seguito le principali proprietà dell’ozono, utili ai fini terapeutici [5,6]:
  • Anti-microbiche;
  • Bio-stimolanti;
  • Analgesiche;
  • Anti-flogistiche;
  • Anti-ossidanti e detossificanti;
  • Anti-edema;

Sicurezza

L’ozono-terapia è una pratica già ampliamente affermata e sicura in medicina e odontoiatria da diversi anni, ma solo ora sta prendendo piene nell’opinione pubblica grazie alle proprietà anti-microbiche, in particolare su quelle anti-virali dell’ozono. L’ozono si è dimostrato efficace nell’inattivazione di virus già dagli anni 90’, riportando in letteratura un effetto anche contro l’HIV [7]. Secondo i dati del Prof. Li Zelin, primario del principale ospedale di Wuhan, l’ozono si è dimostrato efficace nell’inattivazione del coronavirus Sars inoculato su cellule renali di scimmia, che nel 99,22% non aveva più capacità di infettare altre cellule. Il SARS-Co-2 (comunemente COVID-19) è, per l'86%, simile al SARS-Co-1 che causò l’epidemia del 2002, infatti, sulla base di questa somiglianza nella sequenza genica, diverse aziende che producono ozonizzatori stanno distribuendo macchinari di erogazione di ozono gassoso agli ospedali asiatici [8].

Disinfezione dell’aria

ozogene La ricerca scientifica portata avanti dal Dr. Simone Marconcini ci ha permesso di essere tra i primi in Italia ad utilizzare macchinari che erogano ozono gassoso per disinfettare l’aria, mediante celle “Ozogene” che liberano una quantità di ozono tale da sfruttare le proprietà di inattivazione virale, ma senza tossicità per l’essere umano, ovviamente in proporzioni alla dimensione della stanza in cui ci si trova. Abbiamo notato con piacere come la SIOOT (Società Italiana di Ossigeno ed Ozono terapia) stia sensibilizzando all'uso dell'ozono per trattare i pazienti affetti da COVID-19. La SIOOT ha riportato esperienza clinica diretta su diversi pazienti affetti da broncopolmonite, trattati con Ossigeno Ozono Terapia, con ottimi risultati riducendo i tempi di malattia. In questi pazienti si è evidenziato un pronto recupero dell’ipossiemia e del quadro radiologico. Sottolineiamo che questa terapia con Ossigeno Ozono SIOOT non è incompatibile con la terapia farmacologica e non ha effetti collaterali. Un sistema di erogazione di ozono gassoso per sanificare l’ambiente permette di azzerare i contagi interni negli ambulatori tra gli operatori e tra i pazienti utilizzando una bassa concentrazione di ozono durante tutto l’orario lavorativo (a fine orario lavorativo ozonizziamo l’aria sempre gli ambienti per 8 h a 4PPM) [9].

Bibliografia

  1. Bocci VA. Scientic and medical aspects of ozone therapy. State of the art. Arch Med Res. 2006;37:425-435.
  2. Seidler V, Linetskiy I, Hubalkova H, Stankova R, Mazanek J. Ozone and its usage in general medicine and dentistry. A Review Article. Prague Medical Report 2008; 109: 5-13.
  3. Sujatha B, Manoj Kumar MG, Pratap Gowd MJS, Raja Vardhan. Ozone Tharapy – a paradigm shift in dentistry Health Sciences 2013;2(3):JS003A
  4. Bikashpattanaik, Dinesh Jetwa, Seemapattanaik. Ozone therapy in dentistry: A literature review. J Interdisciplinary Dentistry 2011; 1: 87-92.
  5. Azarpazhooh A, Limeback H. The application of ozone in dentistry: A systematic review of literature. J Dent 2008;36:104-116.
  6. Razak FA, Musa MY, Abusin HAM, Salleh NM. Oxidizing Effect of Ozonated-Water on Microbial Balance in the Oral Ecosystem. J Coll Physicians Surg Pak. 2019 Apr;29(4):387-389.
  7. Bocci V., I. Zanardi, V. Travagli. Ozonation of human HIV-infected plasmas for producing a global vaccine.How HIV-patients may help fighting the HIV pandemia. Virulence 2010, 3: 212-214.
  8. Elvis AM, Ekta JS. Ozone therapy: A clinical review. J Nat Sci Biol Med. 2011;2(1):66–70. doi:10.4103/0976-9668.82319
  9. Lazaro Gamio. The Workers Who Face the Greatest Coronavirus Risk. The New York Time. March 15, 2020